L'universo "bestiale" di Pino Pace

Nei giorni scorsi l'autore torinese Pino Pace ha incontrato i bambini e ragazzi delle scuole e delle biblioteche di Palermo e Provincia che gli hanno posto tantissime domande sui suoi libri.

Ci fa piacere condividere alcune domande e soprattutto le risposte di Pino Pace.

Ma i gelatai di cui tu parli Prospero e Olga sono veri? Esistono? D.D. Maneri – Palermo

Si, i due gelatai sono veri, le gelaterie sono vere, ma l'ingrediente fondamentale è che ci sia un conflitto per cui mi sono inventato i personaggi di Prospero e Olga. Gianni Rodari infatti diceva “...cosa succederebbe se...”allora mi sono chiesto proprio questo cosa succederebbe se due gelatai cominciassero a litigare fra di loro?

Ad essere sincero, solo la personalità di Olga esiste, infatti è una mia ex compagna di scuola che vestiva e si comportava proprio come la protagonista del mio Esaggelato.

Come mai ha deciso di scrivere per i bambini e i ragazzi? D.D. Nazario Sauro – Palermo

Perchè mi piace la libertà che ti offre questo lavoro, io ho scritto, qualche tempo fa un libro per adulti e l'ho inviato a 50 editori che non mi hanno risposto, poi dopo un corso per scrivere storie per ragazzi, ho scritto il mio primo libro per ragazzi e un editore l'ha pubblicato, scrivere per ragazzi significa spaziare con la fantasia , poter parlare di tutto, ed è importante che io faccia questi incontri, che vi conosca, perchè voi cambiate continuamente, mi date un immensità di stimoli che ispireranno le mie storie.

Quanto tempo impieghi a scrivere un libro? Scuola Media Archimede – Palermo

Io sono come un cuoco che prima di preparare una gustosissima pietanza accende i fuochi, taglia, trita, sbollenta, impasta e poi alla fine mette insieme il tutto per preparare il piatto.

Così fa lo scrittore, prende appunti, fotografa qualcosa, ascolta gli altri, gusta, pensa e quando ha le idee chiare, riunisce tutto e crea i suoi libri.

Da dove nasce il libro bestiacce? Istituto Comprensivo Ninni Cassarà – Partinico

Quando la mia prima figlia era piccola giocavo con lei e come un ladro rubavo le sue idee, infatti lei si inventava degli animali fantastici che erano l'unione di due animali tra loro molto diversi. Così da scrittore annotavo tutti gli animali che creavamo, un giorno ho inviato delle bestiaccce al mio amico Giorgio Sommacal che ha creato la cammellula.

La cammellula mi ha portato fortuna, l'abbiamo fatta vedere alla responsabile della casa editrice EDT Giralangolo che se né innamorata è ci ha dato il suo benestare per scrivere questo libro. All'interno del libro ci sono le mie passioni, la scienza, la bicicletta, l'oriente, la fantascienza e tante altre parti di Pino Pace.

Perchè scrivere un libro come le Milleunamappa? Differente e innovativo? Biblioludoteca Le terre del giocoBiblioteca Licininana Termini Imerese

Le milleunamappa sono dei libri inesauribili, ogni uomo di qualunque età ha sempre sognato di viaggiare, con le mie mappe si ha la possibilità di viaggiare sia guardando il percorso sia con la fantasia, ognuno naviga a suo modo, ma non è facile spiegarlo, bisogna vederle, aprirle e cominciare a viaggiare.

M’impegnano molto, soprattutto nel lavoro di ricerca e di lettura, in alcuni casi si è trattato di ridurre un libro di trecento pagine a una sola pagina, come per “Il giro del mondo in 80 giorni”.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Letto 2535 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

"Insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano".

Edgar Morin

Giochiamo con i gessi

La newsletter del Ludomastro

www.carlocarzan.it

Scuola Ludens

Così per Gioco su Facebook