La voce dell'arte - Scuola dell'infanzia

la voce dell'arte infanziaIl laboratorio La voce dell'arte, che si è svolto nei giorni di 28/29/30 gennaio 2014, è un mini percorso che vuole dar voce alle opere d’arte, quadri che all’apparenza potrebbero sembrare muti agli occhi di un bambino delle scuole dell'infanzia, ma che in realtà sono nati per raccontare, cantare e sussurrare una storia.

Il bambino dopo aver ascoltato la storia di Matteo, topolino appassionato d'arte, realizza con metodo "munariano", un piccolo topo che interagirà con due dipinti relativi a Van Gogh e Klimt per poi scoprire che la sua vita cambierà e si tingerà dei colori da pittore.

I bambini, quindi, daranno sfogo alla propria creatività e immaginazione realizzando un dipinto che farà da sfondo alle mille storie che di volta in volta inventerà con il suo piccolo topino.

Durante il percorso si ascolteranno mediante una ascolto cooperativo e rispettoso tutti i bambini che saranno liberi di esporre le loro impressioni, i propri desideri le proprie attitudini, i propri sogni.

GALLERY "LA VOCE DELL'ARTE"
Scuola dell'infanzia

[LIBRI CONSIGLIATI] >>

Il sogno di Matteo

di Leo Lionni
BABALIBRI

il sogno di matteoMatteo è un topolino che abita insieme a mamma e papà in un solaio triste e squallido, tappezzato di ragnatele. I suoi genitori desidererebbero tanto che lui diventasse un famoso dottore ma Matteo, dopo una visita con la scuola al Museo d'Arte scopre la propria via: la sua vità cambierà e si tingerà dei colori da pittore.

Trovi Il sogno di Matteo su

amazon.it

 


 

Un colore tutto mio

di Leo Lionni
BABALIBRI

colore tutto mioTutti gli animali hanno un colore. Tutti tranne il camaleonte che cambia colore a seconda di dove si posa. Come può fare per avere un colore tutto suo? Il camaleonte trova la soluzione grazie a un amico.

Trovi Un colore tutto mio su

amazon.it

 

 

Arte per bambini

Vota questo articolo
(0 Voti)
Letto 2194 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

"Insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano".

Edgar Morin

Giochiamo con i gessi

La newsletter del Ludomastro

www.carlocarzan.it

Scuola Ludens

Così per Gioco su Facebook