Segna il segnalibro - Premiazioni

Anche quest’anno sono stati tantissimi i segnalibri arrivati alla segreteria del concorso e migliaia gli studenti che si sono impegnati nella realizzazione del segnalibro.

Questa grande partecipazione ci ha resi felici, ma soprattutto ha evidenziato la grande vivacità delle scuole e dei nostri ragazzi.

Avremmo voluto premiare tutti e la giuria ha avuto le sue belle difficoltà per scegliere le classi vincitrici, infatti, pur avendo segnalato singoli segnalibri, il riconoscimento va alla classe di appartenenza dell’alunno.

 

Il concorso è stato promosso nell'ambito della giornata mondiale delle biblioteche scolastiche ad Ottobre 2007.

 

CLASSIFICA

Sezione scuola primaria dal racconto “Fare la luce” di Luisa Mattia

  • Pisciotta Gabriele, classe III E, Scuola primaria Luigi Capuana, Partanna
  • Ludovica Vinciguerra, classe II B, Circolo Didattico Statale “ Sante Giuffrida” Catania
  • Chiara Branca, classe II B, I Circolo Didattico “G. Judica” Palazzolo Acreide


Sezione scuola primaria dal racconto “Drin” di Andrea Valente

  • Classe V A, C. D. S. Giuffrida, viale Africa, 198 Catania
  • Di Girolamo Marta, classe V D, Scuola Primaria “ G. Mazzini” Erice (TP)
  • Dalia Cipolla, classe V D, G.B. Quinci  Mazara del Vallo


Sezione scuola secondaria dal racconto “La scatola magica ” di Luisella Daina

  • Cenav Hamed, classe III D, Istituto Comprensivo Ninni Cassarà Partinico
  • Gulizia Nicolò, classe II B, Istituto Comprensivo “Luigi Russo” Delia
  • Classe I D, Scuola Secondaria “Francesco Minà palombo” Castelbuono Palermo

 

La premiazione avrà luogo il 24/04/2008 alle ore 10.30 presso l’Aula Magna della Scuola Media Virgilio di Palermo.

Tutte le classi dalla prima alla terza classificata riceveranno una targa per l’impegno e la partecipazione al Concorso "Segna il Segnalibro" e dei libri per i primi classificati.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Letto 1537 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

"Insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano".

Edgar Morin

Giochiamo con i gessi

La newsletter del Ludomastro

www.carlocarzan.it

Scuola Ludens

Così per Gioco su Facebook