KINGDOMINO, IL GIOCO DA TAVOLO ALLENAMENTE DEL MESE DI AGOSTO

kingdomino

KINGDOMINO, IL GIOCO DA TAVOLO ALLENAMENTE DEL MESE DI AGOSTO

L’estate è sempre la stagione in cui si può giocare e leggere di più, soprattutto con maggiore libertà, una buona parte del nostro tempo ludico è stato occupata da Kingdomino, un gioco di grande qualità che ha anche vinto ultimamente lo “Spiel des Jahres”, il più importante premio al mondo, dedicato ai giochi da tavolo.

Dentro la scatola
Si trovano 48 tessere rettangolari, ognuna divisa in due parti rappresentanti le varie tipologie di territorio: grano, prateria, bosco, grotte, mare, palude. Oltre alle tessere troviamo anche 8 Re e 4 Castelli.

Giochiamo
Lo scopo di Kingdomino è quello di costruire il proprio regno utilizzando le tessere rettangolari divise in due parti, con i vari territori rappresentati. Si sorteggiano le prime quattro tessere e si mettono in ordine dalla più piccola alla più grande, seguendo il valore che si trova sul retro di ognuna.

Ogni giocatore prende il Castello e due Re dello stesso colore, ne pone uno dentro il castello e il secondo sulla tessera che ha scelto.
Si prendono altre quattro tessere e si dispongono sul tavolo sempre in ordine di grandezza.
Inizia il giocatore che ha prenotato la tessera con il valore inferiore, la posiziona e sceglie quella per il turno successivo, e così via sino a terminare le tessere disponibili.
Le tessere possono essere affiancate a quelle presenti sul suo territorio, ma unendo solamente i terreni della stessa tipologia, proprio come nel domino.

Regole
oltre a quella dell’affiancamento, sono le seguenti:

regno kingdomino• Il regno deve avere la forma di 5×5 quadrati (ogni tessera è formata da due quadrati), nel caso non fosse possibile piazzare la tessera scelta, questa deve essere scartata e non fornisce punti.
• Alcune tessere, ma non tutte, contengono delle corone, sono le uniche che attivano il punteggio. Infatti per definire i punti vittoria si devono moltiplicare il numero di corone per il numero di quadrati consequenziali che appartengono alla stessa tipologia di territorio.
• Infine si ricevono dei bonus punti quando si riesce a formare un territorio perfetto 5×5 senza spazi vuoti e quando si riesce a tenere il proprio castello al centro del territorio.

Caratteristiche Allenamente
Kingdomino favorisce l’attenzione e soprattutto stimola la capacità tattica, strategica e logica dei giocatori, infatti grazie al fatto che le tessere visibili da prenotare sono sempre quattro, limita le possibilità di scelta, ma allo stesso tempo costringe ad avere una visione complessiva del regno e immaginarne uno sviluppo adeguato.

Altra caratteristica Allenamente è quella del problem solving, a ogni turno il giocatore deve cercare di prenotare la tessera che può portare più punti possibili, e volendo anche creare difficoltà agli avversari, deve avere spirito di osservazione e guardare le alternative da punti di vista differenti, cosa che abbiamo trovato in comune con le caratteristiche di Sherlock Holmes, pur non essendo un gioco investigativo.

Le regole semplici lo rendono adeguato anche a essere giocato con autonoma anche dai più piccoli. Al Campus Allenamente è stato il gioco più usato dai partecipanti, l’abbiamo provato in più contesti, con età differenti, e anche Simone, il mio nipotino di sette anni lo gioca con facilità e passione, l’abbiamo usato in alternativa ai compiti per le vacanze, e vi assicuro che ha usato e acquisito maggiori competenze in questo modo.

Complessivamente Kingdomino è un gioco eccellente, da prendere sicuramente in considerazione nell’ottica dell’imparare giocando. Non può mancare a casa, utilizzabile anche a scuola, in ludoteca e nei luoghi di aggregazione per bambini e ragazzi. Ultima nota per i materiali che sono davvero eccellenti e i prezzo che rende questo gioco davvero accessibile a tutti. Parola di Ludomastro Allenamente.
Ah, se qualcuno desiderasse acquistarlo, ecco anche i link per AMAZON, una buona occasione per dedicare qualche ora al gioco.

contenuto kingdomino

 

No Comments

Post a Reply